Mi sono sempre riconosciuto in queste parole di Gianni Vattimo

"Sconfitto in tutti i luoghi del mondo, non mi sono mai sentito così libero. Alla fine, senza che mai me lo sia detto così esplicitamente e con tanta forza, su tutto io ho cercato la libertà. Per me. Per gli altri. Più ancora dell’amore forse, più della fama e del successo certamente, più del potere di sicuro, io ho cercatola libertà". 
 
Pietro Tarallo
 
Se vuoi conoscere il mondo che ho fotografato nei miei viaggi, clicca nel riquadro bianco della foto qui sotto, e poi clicca ancora e ancora... finché ne hai voglia!
 
  
 
 

Nomade per vocazione, sedentario per scelta

Un karma il mio che mi porta a fare la valigia (la più leggera ed essenziale possibile) e partire. Per conoscere, scrivere, parlare, ricordare, pensare, sognare e fotografare. Per me è così da sempre. O quasi. Daltra parte sono nato sotto il segno dei Gemelli. Proprio il 21 di giugno, nel solstizio destate, quando nel 1941 Mussolini ebbe la bella idea di dichiarare guerra allUrss. Non male come inizio...

foto pietro tarallo copia

Vivo a Pieve Ligure dal 1985, minuscolo borgo arroccato sul mare, affacciato sul Golfo Paradiso, a pochi chilometri da Genova, con negli occhi la visione della Superba e il Monte di Portofino. Il buen retiro è una vecchia casa rosso-pompeiano e giallo-oro, come quelle dei centri storici liguri, che mi sono totalmente inventato. Torno qui con la stessa emozione dei marinai che a bordo dei loro velieri facevano rotta dopo mesi e mesi nuovamente nella vicina Camogli. Come loro viaggio sei mesi lanno, girando il mondo. Tutto questo da oltre trentanni, ossia da quando ho lasciato proditoriamente il mondo prima della pubblicità e poi della scuola, per trasformarmi in traveller writer, come dicono gli anglosassoni.

Ho scritto un numero infinito (forse troppi) di reportage per le più importanti riviste italiane e guide turistiche che parlano di angoli lontani del pianeta, soprattutto di America Latina, Africa Australe, Australia ed Asia. Ma nel mio cuore rimangono due Paesi: Indonesia e India. Forse perché li ho scoperti da giovane. Forse perché ci sono tornato più volte nel corso del tempo.